Verona sotto Venezia

Dopo la dominazione austriaca, Verona torna alla Repubblica Veneta che l’acquista dopo un memorabile assedio e il pagamento di un grosso tributo di guerra. Rientrata in possesso di Verona, Venezia la fortifica costruendo attorno alla città la spianata, abbattendo i sobborghi per il raggio di un miglio e costruendo al posto delle mura scaligere i possenti bastioni che si possono tuttora ammirare. Sulla Piazza delle Erbe è innalzata la grande colonna sostenente il leone alato di San Marco alla quale, per un certo periodo, si attribuisce il diritto di asilo per i debitori. L’epoca veneziana, nel complesso, fu per Verona un periodo di pace. Gli studi e le arti ne risentirono i benefici effetti. La pittura annovera tra i suoi cultori Paolo Caliari detto il Veronese; la scultura si arricchisce delle opere di Girolamo Campagna; le lettere sono tra l’altro coltivate da Giulio Cesare Becelli e da Scipione Maffei; nella medicina e nell’astronomia si distingue Girolamo Fracastoro che è tra i primi ad ammettere l’obliquità dell’eclittica terrestre e ad concepire la decomposizione del moto e che fu il fondatore della moderna patologia medica. Testimoni dell’intensa rifioritura degli studi sono numerose istituzioni culturali, alcune ancora oggi vitali: la Biblioteca Civica, l’Accademia di Pittura e di Scultura, l’Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere. In epoca veneziana nasce anche la prima fiera veronese, progenitrice della celeberrima Fiera dell’Agricoltura, che è la principale manifestazione veronese.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.