Pietro Giannone, storico del regno di Napoli

Il 7 maggio del 1676 nasce a Ischitella (provincia di Foggia), piccolo centro del Gargano, Pietro Giannone, una delle figure intellettuali italiane più importanti del XVIII secolo.
Si trasferisce a Napoli, capitale del regno borbonico, per dedicarsi agli studi di giurisprudenza e per intraprendere successivamente la carriera forense, e qui entra in contatto coi circoli intellettuali più vivaci dell’epoca.
Giannone si dedica soprattutto agli studi storici e nel 1723 pubblica la sua opera di maggior importanza, la "Istoria civile del Regno di Napoli", che per i suoi contenuti anticlericali provoca le ire della Chiesa.
L’intellettuale pugliese, incorso nella scomunica, è così costretto a lasciare Napoli e a trovare rifugio dapprima a Vienna e successivamente in diverse città del Nord Italia; viene infine arrestato in Savoia, su pressione delle autorità pontificie, prima che riesca a pubblicare "Il Triregno".
Rinchiuso nella fortezza di Ceva e successivamente a Torino, qui muore nel 1748, dopo 12 anni di prigionia.
Giannone viene ricordato come un precursore delle idee illuministiche di separazione del potere spirituale da quello politico: nelle sue opere contesta le basi giuridiche del potere della Chiesa, di cui auspica un ritorno alla purezza delle origini.
Ischitella lo ricorda con una statua nel centro del paese.
 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.